PON – Programma Operativo Nazionale per la Scuola

Il nostro Istituto partecipa, aderendo ad uno specifico accordo di rete tra Scuole ed Enti Locali, al progetto PON 10.2.5C-FSEPON-LO-2018-11 avviso 4427 del 02/05/2017 (“Potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico”. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo [FSE]), per un importo complessivo pari ad €. 119.476,00.

SPIEGAZIONE DEL CODICE DEL PROGETTO

10.2.5 Obiettivo Specifico 10.2: Miglioramento delle competenze chiave degli allievi.
Azione 10.2.5: Azioni volte allo sviluppo delle competenze trasversali con particolare attenzione a quelle volte alla diffusione della cultura d’impresa.
C Sottoazione/progetto.
FSEPON FSE (Fondi Strutturali Europei) – PON (Programma Operativo Nazionale) “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020: è un Programma plurifondo che prevede azioni finalizzate al miglioramento del servizio di istruzione, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C(2014) n. 9952, del 17 dicembre 2014 e successive modifiche approvate con la Decisione di esecuzione della Commissione del 18.12.2017 C(2017) n. 856.
 LO Regione di riferimento: Lombardia.
2018 Anno di autorizzazione.
11 Numero progressivo del progetto.

“STUDENTI E TERRITORIO: UN PROGETTO DI VALORIZZAZIONE
DELLE PALAFITTE UNESCO DEL GARDA”

Il progetto nasce dalla convinzione che la cultura debba essere vista come un bene comune da condividere per garantire ad ogni cittadino/studente il diritto ad essere educato alla conoscenza e all’uso responsabile della documentazione, anche in forma digitale, per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale e dei luoghi della cultura. La condivisione e la conoscenza del proprio patrimonio culturale infatti porta a promuovere sia l’educazione alla cittadinanza che il dialogo interculturale, nelle fasi di progettazione e di realizzazione.

La tematica del progetto è incentrata su temi e contenuti coerenti e omogenei, per valorizzare il patrimonio archeologico locale specifico di ogni territorio, in special modo delle palafitte UNESCO: quelle del Lavagnone di Desenzano del Garda (BS) e quelle del Lucone di Polpenazze del Garda (BS). L’acquisizione e la divulgazione delle conoscenze relative ai siti palafitticoli avverrà mediante la fondamentale collaborazione con i Musei che conservano i reperti archeologici dei siti. Buona parte delle attività dei moduli si svolgeranno presso il Civico Museo Archeologico della Valle Sabbia, concessionario dello scavo archeologico del sito palafitticolo del Lucone.

L’esperienza didattica del progetto intende essere formativa su due fronti: con gli studenti dell’anno scolastico in cui si svolge la proposta e con gli insegnanti tutor e gli esperti. Questi ultimi saranno “spettatori” durante le varie azioni didattiche che si svolgeranno, ma anche “attori” e promotori della conoscenza dei siti, dei motivi della loro iscrizione al Patrimonio dell’Umanità, dei valori UNESCO di cui sono portatori, replicando di fatto negli anni scolastici successivi le attività sviluppate nell’ambito del progetto.

Le fasi esecutive del progetto sono tre:

  • adesione/condivisione del progetto e della conoscenza dei luoghi (con incontri in classe e visite di esplorazione e raccolta dei dati relativi ai siti);
  • scambio di conoscenza (attraverso alcune visite dei luoghi e la condivisione tra le classi);
  • creazione e redazione di contenuti (testi esplicativi e guide turistiche in diverse lingue straniere, mappatura e condivisione delle informazioni del patrimonio).

Le scuole della rete sono tre degli istituti più importanti del territorio, caratterizzate in funzione delle peculiarità da valorizzare all’interno del progetto:

  • il Liceo “Enrico Fermi” di Salò: scuola capofila con maggior numero di indirizzi a vocazione prettamente umanistico-scientifica e linguistica;
  • l’I.T.S. “Cesare Battisti” di Salò: istituto a vocazione tecnica con offerta formativa legata nell’ambiente delle costruzioni;
  • l’I.I.S. “Luigi Bazoli – Marco Polo” di Desenzano del Garda: istituto a vocazione turistica con offerta formativa legata alla comunicazione e alla grafica.

Esse abbracciano un territorio vasto e sono appoggiate nel progetto dalle Amministrazioni Comunali di Desenzano del Garda, Polpenazze del Garda e Gavardo (che patrocinano gli interventi necessari); e interagiscono con il Museo Civico Archeologico “Giovanni Rambotti” (di Desenzano del Garda) e la Fondazione “Piero Simoni” – Museo Archeologico della Valle Sabbia (di Gavardo), principali attori nella conservazione dei materiali provenienti dalle palafitte UNESCO del Garda (che forniranno supporto scientifico e logistico).

Promuovere l’integrazione sociale attraverso la conoscenza del patrimonio culturale del territorio (in particolare dei due siti archeologici delle palafitte UNESCO del Lucone e del Lavagnone); far conoscere agli studenti la cultura e la storia antiche (per instaurare un atteggiamento di dialogo e scambio, accelerare il processo di avvicinamento dei giovani alla conoscenza, all’accesso partecipato e all’adozione del Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico); promuovere un coinvolgimento consapevole dei giovani e dei docenti (per renderli protagonisti nei processi di costruzione identitaria e di cittadinanza attiva europea, anche nella prospettiva di offrire un contributo nel corso del 2018, anno europeo dedicato alla cultura); offrire opportunità di studio (mediante attività didattiche gratuite, dedicate al target scolastico dei diversi comuni, sedi dei musei archeologici e dei luoghi riconosciuti dall’UNESCO). Questi sono gli obiettivi del progetto, in linea con la strategia del PON “Per la scuola” (con particolare riguardo alla consapevolezza da parte dei ragazzi del valore del proprio Patrimonio culturale anche al fine di sfruttarne le potenzialità attrattive).

I 18 moduli in cui si articola il progetto si propongono di:

  • accelerare il processo di avvicinamento dei giovani alla conoscenza, all’accesso partecipato e all’adozione del Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico territoriale;
  • riconoscere alle scuole un ruolo da protagonista nell’ambito dell’attivazione di percorsi educativi finalizzati alla co-creazione di un sistema di competenze consapevoli sulla cultura e il patrimonio culturale;
  • promuovere la sinergia con altri Enti del territorio.

La scelta degli studenti è stata fatta sulla base delle competenze e conoscenze richieste per l’effettuazione di ogni singolo modulo. Le classi coinvolte nel progetto, quindi, sono del triennio e, precisamente:

  • del Battisti per quanto riguarda le attività di rilievo e GIS sullo scavo archeologico del Lucone a Polpenazze del Garda, con la rappresentazione grafica/3D del materiale archeologico;
  • del Bazoli-Polo per quanto riguarda la progettazione di un itinerario di turismo culturale delle palafitte del Lavagnone e dei reperti conservati al Museo Rambotti a Desenzano, con percorsi sostenibili e redazione di testi in italiano e per la creazione di brochure e guide/pannelli;
  • del Fermi per attività presso lo scavo archeologico del Lucone e per la ricerca storica sui siti; per la traduzione di testi, pannelli e percorsi in inglese, francese e tedesco; per la progettazione di itinerari per l’infanzia.

MODULI DEL PROGETTO

  1. Rilievo topografico di uno scavo archeologico
  2. Restituzione del rilievo topografico
  3. Reperti “in posa”
  4. Reperti “in posa” in 3D
  5. Let’s dig
  6. Scavando si impara
  7. Turismo per tutti: un viaggio nelle palafitte UNESCO
  8. Turismo per tutti: il viaggio continua
  9. Itinerari di turismo culturale tra i siti palafitticoli UNESCO del Garda
  10. Itinerari di turismo culturale tra le palafitte UNESCO del Garda: la Guida
  11. Percorsi ed itinerari di visita guidata sostenibili al sito palafitticolo del Lucone di Polpenazze
  12. Attuazione di percorsi ed itinerari di visita guidata sostenibili al sito palafitticolo del Lucone di Polpenazze
  13. Le palafitte e la comunicazione nel mondo – le attività propedeutiche alla comunicazione linguistica
  14. Le palafitte e la comunicazione nel mondo – la produzione dei testi in lingua straniera: inglese, francese e tedesco
  15. La comunicazione del mondo dei siti palafitticoli gardesani UNESCO: attività propedeutiche alla comunicazione linguistica
  16. Le palafitte e la comunicazione nel mondo – la produzione dei testi in lingua straniera: russo e spagnolo
  17. Le palafitte UNESCO del Garda: Design and Technology
  18. Le palafitte UNESCO del Garda: Web Design and Technology

 

Per maggiori dettagli vedi i documenti riguardanti la  SPIEGAZIONE COMPLETA E ARTICOLATA DEL PROGETTO  e la  GRIGLIA CON LE DATE DELLO SVOLGIMENTO DEL PROGETTO .

I documenti riguardanti l’autorizzazione del progetto, l’accordo di rete, la comunicazione del PON e la disseminazione si trovano nella sezione dedicata sul sito della scuola capofila, il Liceo E. Fermi di Salò. Vedi la  DOCUMENTAZIONE DEL PON SUL SITO DEL LICEO E. FERMI DI SALÒ .

 


Altri progetti del PON realizzati fino all’a.s. 2017-2018 dal nostro Istituto si trovano specificati nel vecchio sito.

 VAI ALLA PAGINA DEL PON SUL VECCHIO SITO